Italian Wine Lovers

ABBINARE VINO E FUNGHI. CONSIGLI UTILI

ABBINARE VINO E FUNGHI. CONSIGLI UTILI

Oggi apriamo una breve parentesi sul mondo gastronomico dei funghi cosicchè possiate trovare qualche semplice regola di abbinamento col giusto calice di vino.


Quando si parla di funghi il primo aspetto organolettico da tenere in considerazione è la loro aromaticità. Sarà quindi necessario prima di tutto scegliere un vino capace di reggere il confronto senza essere travolto dall’intenso sapore del fungo. All’aromaticità del piatto accosteremo un vino di pari aromaticità, cioè un vino che abbia profumi abbastanza intensi da reggere la sfida.
Ricordiamoci poi che i funghi temono vini aspri e vini tannici, ecco perché raramente s’incontrano con vini rossi.
Infine ricordate che sapidità e freschezza (si intende acidità) nel calice di vino creano un gradito contrasto con la delicata tendenza dolce che caratterizza il fungo.
Basta teoria, arriviamo alla pratica:
Vediamo nel dettaglio gli abbinamenti con le principali varietà di funghi e le più frequenti preparazioni di modo che possiate cavarvela con successo nelle vostre prossime cene tra amici.

Ovuli Bianchi: caratterizzati da aromaticità elegante e intensa. Il loro utilizzo più diffuso è, vista la sua commestibilità anche da crudo, semplicemente condito con olio extravergine. L’abbinamento consigliato è con il Sauvignon Blanc.
Finferli: conosciuti anche con il nome di galletti, vengono spesso utilizzati per la preparazione di zuppe molto saporite e consistenti. E’ uno dei pochi casi in cui l’abbinamento ideale è con un rosso elegante: un pinot nero fa al caso nostro.
Chiodini: l’utilizzo di questa varietà in cucina è vario, ma non prevede preparazioni complesse e particolarmente saporite. Se consumati in una pasta o nel riso, è necessario un vino bianco giovane come un friulano o un rosato, magari un Bardolino chiaretto.
Porcini: sono funghi che si prestano a svariate preparazioni. Se decidete di consumarli crudi vi consigliamo un Sauvignon Blanc o addirittura un gewurztraminer.
Differente ragionamento se la preparazione li vede condimento di una pasta: in questo caso l’abbinamento consigliato si sposta verso uno Chardonnay, vino più morbido e rotondo.
E se fosse un risotto ai funghi porcini? La mantecatura dona grassezza e noi rispondiamo con delle bollicine di alto livello: un Trento Doc o un Franciacorta fanno al caso nostro.

Ed ora un brindisi a chi ama il buon cibo e il buon vino, in alto i calici!

ENTRA NELLO SHOP e REGISTRATI Ricevi subito un buono sconto del 10% sul tuoi primo ordine

ARTICOLI CORRELATI

Card image cap
DIAMOCI UN TAGLIO BORDOLESE

Bere responsabilmente sì, ma direi anche che bere informati ha le sue buone ragioni. E dunque oggi vediamo cosa vuol dire un termine che si...

Leggi tutto...
Card image cap
CLASSICO SUPERIORE O RISERVA CHE NE SAI?

Un passo alla volta ci addentriamo nel vocabolario del vino italiano che, ammettiamolo, è un bel ginepraio. Avere ben chiari tutti i dettagl...

Leggi tutto...
Card image cap
IL GALATEO DEL VINO

Il servizio del vino a tavola è bene che si attenga a delle precise regole, siete d'accordo? Starà a voi winelovers rispettarle o gl...

Leggi tutto...
Card image cap
VINO BIANCO DA UVE NERE E' POSSIBILE?

Un vino bianco ottenuto da uve nere è possibile e molto frequente! Pensate che molto spesso il bicchiere di spumante che bevete nasconde pro...

Leggi tutto...