Italian Wine Lovers

LAMBRUSCO IL VINO PIU VERSATILE D'ITALIA

LAMBRUSCO IL VINO PIU VERSATILE D'ITALIA

Perché consideriamo il Lambrusco il vino più versatile d’Italia? Perché trova il suo posto accanto a piatti dalle caratteristiche molto diverse fra loro e riesce a valorizzare preparazioni che vanno dall’antipasto al dessert.

Non ci credete? Provare per credere! Vediamo di saperne un po’di più…

Il Lambrusco è il vino emiliano per eccellenza. Il suo successo oltre confine è stato tanto e tale che si è meritato -pensate- il divertente nomignolo di "Coca-Cola italiana".
Com'è il Lambrusco? E' un vino di un bel rosso rubino a modesta gradazione alcolica e una delicata effervescenza che mette allegria. Va servito in bicchieri abbastanza ampi per coglierne gli aromi freschi floreali e fruttati ad una temperatura di circa 14 gradi. Abbastanza fresco insomma, quasi fosse un vino bianco.
Dicevamo che del Lambrusco premiamo la versatilità. Pochi vini in Italia possono competere e ve lo dimostreremo.
Partiamo dagli antipasti.
Il Lambrusco è compagno ideale di un antipasto a base di salumi affettati: un bell'assaggio di Prosciutto di Parma, un Culatello di Zibello, un salame di Felino, tanto per restare in terra emiliana. Per i più esigenti aggiungerei anche qualche scaglia di Parmigiano Reggiano. Tanta roba!
Un semplice aperitivo? Optate per un lambrusco rosato ben fresco.
Entriamo nel mondo dei primi piatti: Se vogliamo restare nella cucina emiliana vincono tutte le paste ripiene fatte a mano. Tortellini, agnolotti, cappelletti e poi ancora la pasta al forno, le lasagne e perché no una grande varietà di risotti!
Vi sta venendo fame?
E noi proseguiamo con i secondi piatti. Diamo il benvenuto al carrello dei bolliti: lo zampone, il cotechino, il vitello e la gallina accompagnati da lenticchie, fagioli in umido. Il lambrusco ben accompagna gli stracotti, un arrosto di carne bianca o un buon galletto in umido. E in estate? La grigliata di carne di maiale!
Insomma il Lambrusco con la sua effervescenza e il suo tannino delicato regge preparazioni grasse. E se volessimo abbinarlo al pesce? Seguendo questa regola potremmo trovarlo accanto ad un pesce gatto fritto o ad un'anguilla alla brace.
Il pasto sta per volgere al termine e il Lambrusco fa il suo dovere anche a fine pasto.
Da provare con un pezzo di formaggio stagionato accompagnato da mostarda oppure ci spingiamo verso il dessert. Per le torte vada per la pasticceria secca, per esempio la Sbrisolona mantovana.
Un ultimo spunto: siamo nella stagione delle castagne, provatelo con un cartoccio di caldarroste!

ARTICOLI CORRELATI

Card image cap
PROSECCO BRUT, EXTRA DRY, DRY. FACCIAMO CHIAREZZA

Facciamo chiarezza nel mondo delle bollicine! Oggi vi daremo qualche utile consiglio per imparare a distinguere un Prosecco da un altro. Che i Pros...

Leggi tutto...
Card image cap
QUALE VINO ABBINIAMO ALLA ZUCCA?

>>Scopri tutti i Vini da abbinare ai piatti a base di Zucca Oggi parliamo di zucca, la protagonista nelle tavole di questa stagione, un frutt...

Leggi tutto...
Card image cap
IL BICCHIERE GIUSTO CON IL BACCALA ALLA VICENTINA

Con l’abbassarsi delle temperature ci addentriamo nel mondo degli abbinamenti cibo-vino dei piatti più invernali, per rispondere alle cur...

Leggi tutto...
Card image cap
COSA VUOL DIRE VINO BARRICATO?

Il termine "barricato" deriva dal termine francese "barrique". Sapete già cos'è la barrique? E' la botte pi&...

Leggi tutto...